Translate

CHE SIA IL CALABRONE KILLER CHE ARRIVA DALLA CINA?

Domenica 07.06.2015

Sono entrata in garage con l’auto e, mentre il portone automatico si chiudeva, ho sentito un forte ronzio che si avvicinava e poi qualcosa che sbatteva ripetutamente contro i muri e ogni oggetto all’interno dell’autorimessa. Ho pensato ad un moscone ma il ronzio era molto amplificato. Uscendo dall'auto ho notato un insetto piuttosto grande che svolazzava. Ho riaperto il portone con la speranza che potesse uscire attirato dalla luce esterna. Niente da fare.

Nel timore che entrasse anche in casa, ho deciso di tentare la cattura dell'insetto sperato di poterlo prendere una vota che si fosse posato da qualche parte (dico prendere, non uccidere) Purtroppo non sono riuscita nel mio intento anche perché alla fine l’insetto si è nascosto troppo in alto. Nei vari intenti di cattura sono riuscita però ad osservarlo da vicino e a fotografarlo. Sembra una vespa ma le sue dimensioni (circa 5 centimetri) mi fanno pensare che non sia un insetto del nostro territorio.
Che si tratti del calabrone killer originario dell’Asia? Secondo notizie di stampa, un insetto (che potrebbe assomigliare a questo) sta invadendo e preoccupando l’intera Europa in quanto la sua puntura ha già causato la morte di alcune persone Leggi. 
Essendo notte fonda l'impresa di cattura e successiva liberazione si rimanda a più tardi, col sorgere del sole.
.............................................................................................


AGGIORNAMENTO

Nei giorni successivi, dopo aver cercato a lungo, il calabrone l’ho trovato, ma era morto.
Nel frattempo avevo contattato un entomologo dell’Università di Udine per chiedere informazioni.

Il prof. Pietro Zandigiacomo così mi ha risposto: " L'esemplare da Lei fotografato dovrebbe essere un comune calabrone (Vespa crabro). Per quanto riguarda la vespa velutina (Vespa velutina nigrithorax) non risulta che sia ancora giunta nel Triveneto (da Liguria e Piemonte). 
Recentemente ho esaminato calabroni raccolti in una decina di località friulane e venete e tutti sono Vespa crabro.
Sull'argomento può guardare anche il sito del LAR di Udine".



Ringrazio il professore  Pietro Zandigiacomo per la cortese risposta.
.....................................................................................................................................

Elisa Colavitti è su Facebook


QUANDO IL CALDO ESTIVO PERSISTE, GLI ANIMALI SOFFRONO LA SETE - DIAMO LORO DA BERE


Basta poco per fare del bene agli animali, sia di campagna che di città. 
Se nel luogo ove abitate c'è carenza di corsi d'acqua e di fontane, ognuno di voi può fare qualcosa per dare agli animali locali l'opportunità di dissetarsi. 
Se avete una casa con giardino e non avere una fontanella, potete riempire d'acqua dei sottovasi. Stessa cosa, se vivete in appartamento e avete un terrazzo. 
Nei luoghi pubblici provate a disporre i sottovasi in una zona nascosta e protetta riempendoli periodicamente.

Queste immagini si riferiscono al mio giardino di casa 

Gazze, merli e passeri si alternano per bere e fare il bagno.

video video